Chainlink (LINK) è aumentato di quasi il 95% in una settimana: Inizia la stagione Altcoin?

L’aumento di LINK è l’ultimo di una serie di picchi astronomici che si sono verificati per una serie di altcoin diversi

Mentre il Bitcoin Era sta continuando uno dei periodi più non volatili del suo recente periodo di vita, alcuni analisti hanno detto che sta iniziando una „stagione altcoin“: ci sono state molte segnalazioni di oscillazioni selvagge dei prezzi in un certo numero di altcoin; più recentemente, però, è LINK, la moneta nativa dell’oracolo dei dati a catena di blocco Chainlink.

In effetti, il valore del link è aumentato di circa il 34,8 per cento nel corso delle 24 ore tra sabato 12 luglio e domenica 13 luglio LINK si è attestato intorno ai 6,10 dollari il sabato e ha raggiunto improvvisamente gli 8,22 dollari prima di stabilizzarsi intorno ai 7,88 dollari. LINK ha tenuto il posto numero 10 nella lista delle valute criptate di CoinMarketCap secondo la lista dei limiti di mercato.

L’impennata del fine settimana è stata la continuazione di un rally più grande che è iniziato all’inizio della settimana: lunedì 6 luglio, LINK era seduto intorno ai 4,10 dollari, dove si era fermato per settimane. Questo significa che l’aumento da lunedì scorso ad oggi (7,97 dollari al momento della stampa) è un enorme aumento del 94,39 per cento.

L’ultimo rally dei prezzi ha portato LINK a un nuovo massimo di tutti i tempi; LINK aveva già raggiunto un massimo di circa 4,75 durante il mese di marzo, prima di precipitare improvvisamente a 1,81 dollari diversi giorni dopo il 12 marzo, che è ampiamente conosciuto come il „Giovedì Nero“ di crypto.

Le ragioni del rally

Perché, esattamente, si è verificata questa ascesa astronomica?

Sembra esserci una buona probabilità che il rally sia stato il risultato di un trend di „paura di perdersi“ (FOMO) tra gli investitori: una volta che il prezzo è inizialmente salito tra lunedì e martedì della settimana scorsa, gli investitori potrebbero essere saliti su LINK per ottenere ulteriori guadagni: questo, a sua volta, ha fatto sì che il prezzo continuasse ad aumentare.

Al di là di FOMO, tuttavia, CoinTelegraph ha notato che Chainlink si è assicurato una serie di partnership di alto profilo nel corso del 2020 con altre aziende del settore della crittovaluta. Ad esempio, l’8 luglio, Chainlink è diventato il fornitore di soluzioni Oracle per Nexo, un prestatore di criptovaluta con 800.000 utenti.

Chainlink ha anche ottenuto altre due partnership negli ultimi due mesi con Hedera Hashgrpah e Matic network, ed è stato menzionato in un post sul blog di Google a giugno. Il post del blog si intitola „Costruire applicazioni ibride blockchain/cloud con Ethereum e Google Cloud“.

Inoltre, LINK sembra essere l’ultima moneta ad aver beneficiato di quella che un certo numero di trader descrive come una „Alt Season“: dato che i livelli di volatilità di Bitcoin sono diminuiti significativamente nel corso degli ultimi due mesi, i trader si stanno rivolgendo sempre più agli altcoin come possibili fonti di profitto: Anche COMP (Compound), ADA (Cardano) e XTZ (Tezos) sembrano aver fatto particolarmente bene.

Come tale, la posizione dominante di Bitcoin nella capitalizzazione del mercato delle criptovalute sembra aver allentato la sua presa, e potrebbe continuare a scivolare ulteriormente verso il basso.